Valutazione di impatto acustico – ENEL Distrubuzione S.p.A. (NA)

Valutazione di impatto acustico e successivo piano di risanamento

Sopralluoghi e colloqui, precedenti i rilievi fonometrici, mettono in evidenza la situazione da valutare. La parte di impianto in esame, nonché centrale di trasformazione di tensione, si presentava costituita da trasformatori di notevoli dimensioni e unità accessorie. I trasformatori a cui ci riferiamo sono tre, di cui uno risultante in funzione in condizioni di emergenza e o sovraccarico. Il funzionamento degli stessi genera surriscaldamento delle parti in condizioni normali. Per tale motivo, sono dotati di ventole di raffreddamento necessarie a limitare il surriscaldamento degli stessi però solo in condizioni di sovraccarico della rete. L’avvio del sistema di raffreddamento, però, per effetto delle eliche in moto e dell’aria forzata genera rumorosità.

Interventi previsti

L’assenza di qualsiasi tipo di schermo (sia di tipo vegetale che muri di confine)  e la breve distanza dalle abitazioni consente a buona parte dell’energia sonora irradiata dai trasformatori di raggiungere i ricettori quasi inalterata (l’unico contributo se pur modesto è dovuto alla divergenza geometrica). Sulla base dell’esperienza si ritiene che con una barriera artificiale correttamente dimensionata e istallata si possono ottenere prestazioni che soddisfano le esigenze del caso fin qui discusse, in termini di abbattimento.

In accordo con la committenza, che evidenzia eventuali problemi per manutenzione e passaggio di mezzi pesanti nelle prossimità dell’impianto si è ritenuto opportuno intervenire istallando in prossimità dei trasformatori, quindi della sorgente, i dovuti schermi acustici.

Come ha evidenziato la campagna di misure, nella situazione più critica si ha un superamento dei limiti di circa 13 dB. Al fine di garantire  l’abbattimento richiesto sarà necessario poter trascurare l’influenza della diffrazione laterale e quindi occorrerà  che la lunghezza della barriera sia almeno uguale a 4 o 5 volte la sua altezza effettiva. In tal modo, attraverso la  teoria di Fresnel,  possiamo  ipotizzare  che  lʹenergia che raggiungerà  lʹascoltatore sarà quella trasmessa per diffrazione.

Sezione prima dell’intervento di risanamento

Sezione dopo l’intervento di risanamento

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *