Catena di misura, quando è necessario effettuare la taratura?

La catena di misura è composta da: fonometro, preamplificatore, microfono e calibratore.

L’insieme di questi dispositivi ci permette di effettuare le misure del rumore in determinati contesti e situazioni garantendo un certo tipo di precisione e affidabilità a seconda della qualità della strumentazione.

Come consigliato dalle norme, all’inizio di ogni sessione di misurazione o almeno all’inizio e alla fine di una campagna di misure bisogna controllare l’intera catena di misura mediante il calibratore poichè questo strumento rappresenta il nostro campione primario sul campo, consentendoci di avere un riferimento univoco durante le misure.

Queste precisione e affidabilità però possono venir meno nel tempo per diverse cause:

  • Deriva delle prestazioni dello strumento (utilizzo intensivo, manomissioni o riparazioni, invecchiamento)
  • Fattori ambientali (escursioni termiche, umidità)
  • Errate procedure di calibrazione
  • Guasti

A tal proposito quindi la catena di misura va regolarmente tarate, ma con quale frequenza?

In questo articolo cercheremo di chiarire la frequenza di taratura della catena di misura.

Dal decreto del 16 Marzo 1998 – Tecniche di rilevamento e di misurazione dell’inquinamento acustico

“Gli strumenti ed i sistemi di misura devono essere provvisti di certificato di taratura e controllati
almeno ogni due anni per la verifica della conformità alle specifiche tecniche. Il controllo periodico
deve essere eseguito presso laboratori accreditati da un servizio di taratura nazionale ai sensi della
legge 11 agosto 1991, n. 273.”

Inoltre riportando una nota della norma UNI EN ISO 16283 leggiamo:

“Se i regolamenti nazionali non impongono soluzioni diverse, secondo le raccomandazioni, il calibratore sonoro sia tarato a intervalli non maggiori di 1 anno, la conformità del sistema di strumentazione con i requisiti della IEC 61672-1 dovrebbe essere verificata a intervalli non maggiori di 2 anni e la conformità della serie di filtri con i requisiti della IEC 61260 dovrebbe essere verificata a intervalli non maggiori di 2 anni.”

Vai all’articolo relativo al Certificato di Taratura

Ricapitolando la frequenza di taratura degli strumenti deve essere:

Calibratore: massimo ogni anno

Fonometro: massimo ogni 2 anni

Filtri: massimo ogni 2 anni

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *